Ti senti basso dopo le mestruazioni? La sindrome postmestruale potrebbe essere la ragione

La sindrome premestruale è l'uomo nero del ciclo mestruale: nella settimana che precede il ciclo mestruale, può sembrare che sbalzi d'umore, gonfiore, crampi e sfoghi casuali si nascondano dietro ogni angolo, pronti a rovinare una giornata perfettamente buona.

Ma se quei sintomi indesiderati persistono dopo aver impacchettato la coppetta mestruale per il mese, potresti soffrire di una condizione meno conosciuta (e meno compresa) nota come sindrome postmestruale.



Per fortuna, è molto più raro di persindrome mestruale. Ben il 75 percento delle donne manifesta sintomi negativi prima delle mestruazioni, ma aneddoticamente, solo il 10 percento circa soffre di sindrome postmestruale, secondo lo specialista della fertilità di Progyny Tanmoy Mukherjee, MD. Eppure Nicole Jardim, esperta di salute ormonale e periodo, afferma che negli ultimi anni ha visto un aumento del numero di clienti che le segnalano questo problema. (Nonostante il fatto che non sia veramente riconosciuto dall'establishment medico tradizionale).

L'altro modo in cui la sindrome post-mestruale è diversa dalla sindrome premestruale è nei tipi di sintomi che può causare. Prima del ciclo mestruale, sei potenzialmente più concentrato su disturbi fisici come gonfiore e crampi, e alcune donne segnalano che anche questi fanno parte della loro esperienza post-mestruale. Ma il dott. Mukherjee afferma che la sindrome post-mestruale è, informalmente, meglio conosciuta per aver causato disagio psicologico.



'È caratterizzato da difficoltà a dormire, ansia, irritabilità, sbalzi d'umore e persino sintomi motori che possono manifestarsi come goffaggine o mancanza di coordinazione, osserva. Nei casi più gravi, aggiunge, i sintomi possono assomigliare di più a quelli associati alla depressione, come schemi di sonno molto anormali, difficoltà di concentrazione e bassa autostima.



Quali sono le cause della sindrome postmestruale?

I medici sono ben consapevoli di ciò che causa la sindrome premestruale, vale a dire il risultato di fluttuazioni ormonali e neurochimiche nel periodo precedente le mestruazioni, che alla fine possono portare a voglie, sblocchi, umore basso e altri sintomi.

La sindrome post-mestruale, d'altra parte, è più un punto interrogativo. Il Dr. Mukherjee ha ascoltato una serie di teorie che rispecchiano le cause della sindrome premestruale, come un eccesso o una mancanza di estrogeni e bassi livelli di progesterone, carenze di vitamina B6, cambiamenti nel metabolismo del glucosio e squilibri elettrolitici. Tuttavia, dice, da allora sono stati tutti smentiti.

Sebbene non sia stato studiato, il dottor Murkherjee ritiene che le donne con sindrome postmestruale potrebbero essere estremamente sensibili ai cambiamenti nei livelli ormonali. Crede che la sindrome potrebbe anche essere collegata a uno squilibrio della serotonina nel cervello, dal momento che i sintomi della sindrome postmestruale possono rispondere agli inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI), che aumentano la quantità di serotonina circolante.

Come puoi gestire i sintomi postmestruali?

Dal momento che la scienza non ha individuato una causa esatta dei bla post-periodici, non è stato neppure determinato un trattamento definitivo. Ma per cominciare, se non sei sicuro che ti stia effettivamente interessando o meno, la creazione di grafici dei sintomi quotidiani per almeno due cicli mestruali può aiutarti a capire se si tratta di una cosa una tantum o di un modello che deve essere affrontato.

Oltre a ciò, il Dr. Mukherjee afferma che esistono diversi modi in cui tratta la sindrome post-mestruale, con particolare attenzione al sollievo dei sintomi. Una delle prime opzioni a cui si rivolge spesso è una prescrizione SSRI (antidepressivo), poiché la depressione è uno dei più gravi effetti collaterali postmestruali che le donne possono sperimentare. Se i sintomi sono meno gravi e si desidera gestirli senza farmaci, la dott.ssa Murkhajee afferma che la terapia chiropratica, la terapia comportamentale cognitiva, la terapia della luce e l'agopuntura hanno trovato aneddoticamente sollievo.

Ma come sempre, cadere nella tana del coniglio dell'autodiagnosi di Internet non è mai la strada da percorrere. Quindi, se stai riscontrando problemi di salute insoliti a qualunque ora del mese, chiama il medico.

Se hai il sospetto che qualcosa non vada bene per il tuo corpo, questi sono i test raccomandati da un medico. E qui ci sono alcuni consigli per parlare con il tuo medico, che possono aiutarti a prendere sul serio i tuoi sintomi.