Come piangere lacrime di gioia catartiche in un santuario di koala australiano mi hanno liberato

Ho trascorso la mia prima sessione di pianto pubblico circondata da sconosciuti in Australia, ma anche da adorabili marsupiali al Lone Pine Koala Sanctuary.

L'anno scorso ho attraversato una brutta rottura, seguita da una situazione di amicizia con benefici che mi è sfuggita emotivamente, seguita da una serie di date e delusioni sbagliate. (Molte di delusioni.) Inutile dire che la mia vita romantica era una specie di incendio del cassonetto, che, unito ai miei alti livelli di ansia di tutti i tempi, mi portò a prendere delle decisioni sbagliate. Anche se sono riuscito ad apparire esternamente con esso, dentro? Non così tanto. Quindi, quando ho avuto l'opportunità di fuggire dal paese e andare a Brisbane, nel Queensland, in Australia, non avrei potuto affrontare la situazione con un sì più entusiasta. Avevo bisogno di una pausa.



Il mio obiettivo più duraturo per il viaggio era vedere un koala e sono stato fortunato: a 12 chilometri da Brisbane c'è un posto chiamato Lone Pine Koala Sanctuary. È stato fondato nel 1927 per aiutare i koala feriti, malati e orfani e ora ospita circa 130 di questi simpatici marsupiali, oltre ad altri animali nativi australiani, come i canguri. Lo spot è accreditato da Eco Tourism Australia e dalla Zoo Aquarium Association, il che significa sostanzialmente che è sottoposto a audit indipendente per garantire il benessere degli animali e pratiche ecologicamente sostenibili. C'è anche una struttura scientifica e di ricerca sulla proprietà che aiuta gli sforzi di conservazione.

Quando venne il giorno di visitare il Lone Pine Koala Sanctuary, stavo quasi esplodendo per l'eccitazione; il puro tipo di beatitudine che non si tinge di paura o nervi. io scrupolosamente ho scelto il mio outfit per la giornata, perché ... volevo impressionare i koala? Non lo so; questo è proprio quello che sembra l'eccitazione per me. Ho optato per un abito a pois bianco e nero, oltre a una giacca di pelle vintage e scarpe da ginnastica, che avrebbe è stato un abito perfettamente accettabile, tranne per il fatto che era insolitamente ventoso e il mio vestito era corto e fluido, il che significa che dovevo allacciarmi la giacca di pelle intorno alla vita per evitare di far lampeggiare tutti (e i koala). Avevo un aspetto ridicolo, ma non mi importava nemmeno.



Entrai nel santuario con il mio vestito un tempo carino e ora bizzarro con esaltazione palpabile e ci sono stati esattamente zero incidenti precedenti nella mia vita per i quali descriverei il mio livello di esaltazione come 'palpabile. Il percorso che porta ai koala rimane un ricordo sfocato. Ero una donna in missione e quella missione era vedere quanti più amici teneri potevo. Entrai nella zona del koala, diedi un'occhiata a uno che dormiva, fumai su un albero e scoppiò prontamente in lacrime di fronte a un gruppo di estranei.



La guida del tour mi ha detto che non ero la prima persona a farlo, ma penso che potrebbe aver cercato di farmi stare meglio. Certamente non mi aspettavo una reazione così viscerale, ma mentre vagavo, guardando tutti i koala, scattando foto, il mio flusso di lacrime continuava a scorrere. Trovarsi faccia a faccia con questo tipo di animale che avevo visto in precedenza solo sul mio schermo televisivo era, in una parola, magico. Ma, in poche parole, era molto di più.

Questo non è stato solo il mio primo grido pubblico, ma perché non mi rompevo nemmeno di fronte alle persone lo so, puoi star certo che rompere il sigillo di grasso davanti agli sconosciuti è sembrato estremamente estremo. Ma queste lacrime felici mi hanno fatto calmare attraverso le mie grida: mentre guardavo questi koala, realizzando così un mio adorabile obiettivo, mi sono sentito gioia. E quella sensazione emotiva, davvero, era una che non provavo da un po 'di tempo. L'esperienza ha risvegliato una parte di me che era rimasta in sospeso per troppo tempo: la parte che poteva provare meraviglia e felicità, non contaminata da nulla di negativo. E avevo dimenticato come mi sentivo, cosa che ho deciso di non fare più. Quindi, piuttosto che contenere le mie lacrime nel tentativo di ottenere le mie emozioni, mi lascio semplicemente andare sentire.

Sono andato nel negozio di articoli da regalo mentre andavo a prendere un souvenir. Nel mio stato verklempt, ho scelto in fretta una maglietta. Quando l'ho tirato fuori dalla borsa più tardi nella mia camera d'albergo, mi sono reso conto che era decorato con un canguro, non un koala, ma lo farò comunque tesoro e il ricordo per sempre.

Ecco perché un editore afferma che il modo più magico di vivere un'isola greca è correre fino in cima. E questa lezione di yoga da 5 euro a Parigi è stata un altro modo per curare la nostalgia di casa.