Come la microdosaggio di cannabis mi aiuta a essere meno stressato e più produttivo sul lavoro

Ai tempi passati, dilettarsi con la cannabis significava fare qualcosa. Ma man mano che emergono ulteriori informazioni sui benefici per la salute del vaso e vengono legalizzate in un numero crescente di stati, vengono messi in luce gli usi più sfumati per la pianta. Alcune persone usano prodotti a base di CBD per ridurre lo stress con zero ronzii, mentre altri si stanno rivolgendo a piccole quantità di cannabis psicoattiva, nota anche come microdosaggio, per un leggero sollevamento durante le loro attività quotidiane. (Attività di Office incluse.)

Per approfondire questa tendenza fiorente, ci siamo rivolti a Anna Duckworth, co-fondatore e caporedattore di Signorina Grass, un negozio di lifestyle elevato e una pubblicazione per donne e cannabis. Continua a leggere per il 411 sull'ultima evoluzione del 420.



Sii onesto: stai leggendo questo perché sei scettico sul fatto che la microdosaggio di cannabis possa rendere una giornata lavorativa migliore del solito. Ma stai anche sperando, nel tuo cuore di cuori scettici, che ci sia della verità in quella affermazione.

So che c'è, perché io microdose io stesso la cannabis. Non sempre, ma alcune volte. Esercizio e medito (di tanto in tanto) e faccio respiri profondi per alleviare lo stress, ma una dose molto bassa di cannabis è normalmente ciò di cui ho bisogno per gestire i momenti eccezionalmente ansiosi. Nel bel mezzo di una giornata lavorativa, non è insolito sentirmi stretto, ed è allora che un piccolo colpo di un vaporizzatore o alcune gocce di una tintura possono livellarmi e rendere la mia lista di cose da fare molto più gestibile. Mi fa sentire subito rilassato, ripristina la mia prospettiva e, in generale, toglie il bordo senza influire sulla mia capacità di fare qualunque cosa stia facendo.



Le persone stanno sperimentando dosi sub-percettive di cannabis durante quelle che alcuni potrebbero considerare attività insolite, mentre lavorano, in palestra, fanno commissioni o giocano con i bambini.



Che cos'è il microdosaggio? In genere, per microdose è prendere piccole dosi di psichedelici, più comunemente LSD, funghi psilocibinici o ketamina, in un programma semi-regolare per aiutare a gestire il dolore, il trauma, la depressione o il senso generale di benessere.

Ma ultimamente, abbiamo iniziato a vedere la tendenza guadagnare trazione nei circoli della cannabis, in particolare negli stati legali come la California. In questi racconti, le persone sperimentano dosi sub-percettive di cannabis durante quelle che alcuni potrebbero considerare attività insolite, mentre lavorano, in palestra, fanno commissioni o giocano con i bambini.

In un certo senso, questo non è sorprendente: amiamo manipolare i nostri corpi nella ricerca di essere i nostri migliori sé. Lo facciamo ogni giorno attraverso cibo, esercizio fisico, sonno, prodotti farmaceutici, droghe illecite, pratiche spirituali, iniezioni, trattamenti di drenaggio linfatico - l'elenco continua. Il biohacking non è più una tendenza del giorno; è diventato una sorta di imperativo biologico. Quindi ha senso che una pianta potente come la cannabis dovrebbe ora far parte della conversazione.

Ecco cosa devi sapere se la microdosaggio di cannabis sta suscitando il tuo interesse.

Pro e contro della microdosaggio di cannabis

Coloro che microducono la cannabis spesso citano sentimenti di consapevolezza, una consapevolezza accresciuta, una visione più morbida, un senso di calma generale, una disposizione più collaborativa e meno irritabilità. Tutto ciò è particolarmente utile nel contesto del lavoro, dove spesso sperimentiamo stress o frustrazione estrema con i colleghi, le scadenze, l'equilibrio tra lavoro e vita privata e persino le nostre relazioni con noi stessi.

Nonostante i numerosi resoconti luminosi, la microdosaggio di cannabis non è per tutti. E certamente, non è per tutti nel contesto del lavoro, ad esempio, il tuo ufficio (o il tuo stato) potrebbe non essere adatto alla cannabis e sicuramente non dovresti mettere a rischio il tuo lavoro. Per alcune persone, il microdosaggio ha più senso a casa, come mezzo per superare le attività domestiche. Ad altri piace socializzare o essere fuori nel mondo.

A questo punto, ci sono studi scientifici sull'uso della cannabis per l'ansia e altre condizioni di salute mentale, ma nessuno che fa specificamente caso al microdosaggio. Per questo, possiamo tutti ringraziare la guerra alla droga - quella che continua ancora oggi, grazie a Jeff Sessions e agli amici - per aver reso assurdamente difficile per i ricercatori ottenere finanziamenti e accesso all'impianto. In entrambi i casi, il messaggio rimane: fai le tue ricerche.

A volte stiamo solo cercando modi per ottimizzare la produttività, per ridurre lo stress al minimo. A volte si tratta solo di cercare di togliersi il bordo durante una giornata di incontri consecutivi. Ed è qui che la microdosaggio di cannabis ha acquisito particolare notorietà.

La buona notizia è che siamo un gruppo piuttosto esperto di società. Facciamo il lavoro che, una volta, contavamo su altri in più capacità ufficiali da svolgere per noi: ascoltiamo i nostri corpi, facciamo domande, sfidiamo i nostri dottori (e i nostri prodotti) e cerchiamo modi più naturali per gestire tutto ciò che la vita getta sulla nostra strada. Mentre un tempo il consumo di cannabis era caratterizzato come l'ultimo atto di ribellione per il set del nulla che cerca in qualche modo di fare ancora meno, un approccio più misurato al consumo è stato ora cooptato e pubblicizzato da persone che cercano di fare ancora di più, anche meglio.

A volte, i problemi che stiamo cercando di risolvere sono più nebulosi di una diagnosi definitiva come il cancro, l'epilessia o l'insonnia. A volte stiamo solo cercando modi per ottimizzare la produttività, per ridurre lo stress al minimo. A volte si tratta solo di cercare di togliersi il bordo durante una giornata di incontri consecutivi. Ed è qui che la microdosaggio di cannabis ha acquisito particolare notorietà.

Come microdosare la cannabis in modo responsabile

Mentre ho sperimentato personalmente la microdosaggio della cannabis, ho imparato alcune cose lungo la strada. Di seguito, ho delineato alcuni suggerimenti da tenere a mente se stai pensando di provarlo.

1. Renditi conto che l'obiettivo non è quello di diventare alti

Lo scopo del microdosaggio non è quello di diventare notevolmente alti. Invece, l'obiettivo è quello di consumare dosi molto basse di cannabis per influenzare cambiamenti altrettanto lievi nella tua disposizione. In tal senso, diventa ancora più importante praticare il microdosaggio a casa prima di portarlo al lavoro. (Ne parleremo tra un minuto.) Molti prodotti sono progettati o dosati per farti sballare, il che significa che è il tuo lavoro prendere la dose raccomandata e ridurla in un luogo che ti sposta ma non ti fa sentire affatto sbiadito. Una buona regola è iniziare con un quarto della dose raccomandata del prodotto.

2. Non provarlo il giorno in cui hai un 1-1 con il tuo capo

La cannabis è una pianta molto potente e la risposta può variare notevolmente da persona a persona. Se sei a casa con Netflix e rilassati con un'articolazione, non c'è pericolo reale e attuale se dovessi sperimentare un effetto tutt'altro che desiderabile. Ma se stai sperimentando la microdosaggio di cannabis nello stesso giorno in cui ti presenti al consiglio di amministrazione della tua azienda, ripensaci. Una scommessa sicura è sempre dilettarsi con queste cose a casa dove la posta in gioco è bassa, trovare il microdose perfetto e poi portalo nel regno pubblico se vuoi. La pazienza è la chiave.

3. Cerca un prodotto adatto ai microdosi

Questo può essere ovvio, ma prevale il mito che tutti i prodotti a base di cannabis ti faranno sballare. Ci sono due principali composti trovati nella cannabis che sono più comuni nei prodotti che consumiamo: il primo è il CBD o il cannabidiolo, che non è psicoattivo. Il secondo è THC o tetraidrocannabinolo, che è il composto che accreditiamo per l'alto.

Alcuni prodotti sono ricchi di CBD e bassi di THC, che normalmente inducono un lieve effetto psicoattivo. Altri hanno un alto contenuto di THC e un basso contenuto di CBD, che provoca un massimo più pronunciato e ai fini del microdosaggio dovrebbe essere evitato. Altri hanno un rapporto più equilibrato tra THC e CBD, che chiamiamo un prodotto 1: 1 e questi influiranno su un leggero massimo. E infine, ci sono tonnellate di prodotti solo CBD. Ad esempio, un vaporizzatore a CBD molto alto come la penna vaporizzatore CBD Beboe Calming Blend non ti farà sballare affatto, ma può ancora supportare un vero senso di calma e relax. Un'altra popolare tintura non psicoattiva è Juna Drops in Nude. (Per i prodotti non psicoattivi, sentiti libero di rispettare la dose raccomandata sull'etichetta.)

Il punto è che ciascuno di questi rapporti - e le molte variazioni tra loro - sono molto diversi, e trovare quello giusto per te è una questione di tentativi ed errori.

4. Prendi subito la dose e la modalità di ingestione, perché sono entrambe * davvero * importanti

Con tutto il ronzio attorno alla cannabis, c'è stata sorprendentemente poca discussione sulla dose. Abbiamo mangiato tutti un commestibile, solo per passare i successivi tre giorni a letto, o trascinare via il resto della festa incollato al divano, calcolando i molti modi umilianti che potresti provare ad alzarti e uscire dalla porta senza che nessuno se ne accorga voi. Si consiglia di iniziare sempre con una dose bassa e familiarizzare con le diverse modalità di fiore che fuma l'ingestione, olii vaporizzanti, alimenti commestibili o sublinguali (noti anche come tinture).

Fumare e vaporizzare può avere effetto in soli cinque minuti e ti farà sentire più spostato nella mente. Il vaporizzatore Beboe è un ottimo vaporizzatore a basse dosi. La sua miscela di olio a predominanza sativa è ottima per il giorno e non dovrebbe farti assonnare, come potrebbero fare altri prodotti. O per un effetto leggermente più psicoattivo, prova la penna dosista Bliss. Se stai iniziando con un vaporizzatore, prova a inalare fino a un quarto o metà della capacità polmonare piuttosto che a pieno regime non prenda una dose completa se il microdosaggio è il risultato desiderato, perché ti sentirai alto.

Se stai mangiando un commestibile, cerca i prodotti in cui il CBD supera il THC. Se non senti nulla, i commestibili o i sublinguali possono impiegare più tempo a entrare e influire su un livello più alto del corpo, quindi aspettati circa un'ora prima di notare qualcosa. Ancora niente? Va bene, prova un po 'di più.

E per un prodotto non psicoattivo ma facile da dosare, prova 2Rise Naturals CBD con tintura di curcuma biodisponibile

5. Preparare le persone a commentare la nuova disposizione

Per alcune persone, i benefici del microdosaggio sono immediatamente visibili a coloro che li circondano. Collaboratori, amici e partner potrebbero tutti prendere una nuova leggerezza quando hai consumato dosi sub-percettive di cannabis. Se non sei disposto a parlarne, vieni armato di un modo per spazzolarlo via. Se scegli di parlarne, ricorda che è ancora l'era del divieto e alcune persone ospitano alcune idee piuttosto antiquate sulla pianta. E mentre gli atteggiamenti nei confronti della cannabis e dei suoi sostenitori stanno cambiando, è importante chiarire davvero le tue convinzioni in modo da poter sfruttare questa opportunità per educare un curioso spettatore.

6. Riconosci la tua responsabilità

Il rischio è piccolo, ma c'è sempre un rischio quando si prova qualcosa di nuovo. Non fa male parlare con il medico prima di provare la cannabis per la prima volta. Nessuno ha mai overdose sulla pianta e la cosa peggiore che di solito accade è un attacco di paranoia. (Seguito da qualsiasi shenanigans potresti alzarti mentre provi a gestire quel tipo di risultato che costruisce un forte sotto il letto per scappare, per esempio.)

Tuttavia, hai una responsabilità quando consumi e questa è la stessa responsabilità che hai quando non consumi: sii un adulto ragionevole. Ad esempio, considera se devi guidare un'auto mentre sei sotto l'influenza, perché non dovresti farlo. Dai un'occhiata al tuo programma e assicurati di non rispettare le scadenze principali per il lavoro che potrebbe essere compromesso. È buon senso, certo, ma non fa mai male fare il check-in.

Vuoi di più dall'ape regina di Miss Grass? Ecco i suoi 8 prodotti preferiti di CBD e i suoi consigli di esperti sul dosaggio del CBD.