Il glutine fa casino con la tiroide?

Ammettiamolo: il glutine, un gruppo di proteine ​​che si trovano nel grano, al giorno d'oggi prende un po 'di calore per un'ampia varietà di sintomi e disturbi. In alcuni casi, giustamente. E in altri casi, c'è più clamore che verità. Ma per quanto riguarda i problemi di glutine e tiroide? C'è una connessione?

Ecco il problema: molti problemi alla tiroide cadono sotto l'ombrello autoimmune, il che significa essenzialmente che il sistema immunitario attacca i suoi stessi tessuti (in questo caso, la tiroide), spiega Karly Powell, ND, un medico naturopatico registrato presso la Strata Integrated Wellness Spa presso Giardino degli dei a Colorado Springs.



Mentre la ricerca sul glutine e sulla tiroide (e sull'intolleranza al glutine in generale) è ancora in corso, una convinzione predominante è che il glutine può essere un fattore scatenante per la risposta immunitaria contro la tiroide nelle persone che sono già predisposte a essere sensibili al glutine. Come puoi immaginare, questo può portare a tutta una serie di sintomi spiacevoli. Quindi, come puoi sapere se il glutine svolge un ruolo nella tua funzione tiroidea?

Continua a leggere per vedere esattamente come il glutine influisce sulla tiroide.

Il ruolo della tiroide nel corpo

La tiroide è una struttura che produce principalmente l'ormone T4 e ha un ruolo piuttosto fondamentale. 'La tiroide è letteralmente attiva in ogni cellula del corpo ed è il principale regolatore del metabolismo', afferma Powell. 'Quasi ogni processo biochimico nella tua cellula dipende in qualche modo dal normale funzionamento degli ormoni tiroidei, quindi quando la tiroide non funziona normalmente, tendiamo a vedere una funzione cellulare molto lenta.



Ciò può manifestarsi come affaticamento, aumento di peso, perdita di capelli, unghie fragili, costipazione e altro: le funzioni cellulari rallentano essenzialmente senza livelli normali di ormoni tiroidei, spiega Powell.



Se si verificano questi sintomi, gli esami del sangue possono essere utilizzati per diagnosticare e monitorare i problemi della tiroide in modo abbastanza definitivo. 'Il test più standard che viene eseguito è il test TSH, e questo è il segnale dal cervello alla tiroide per produrre più ormoni tiroidei', afferma Powell. 'Mi piace anche guardare l'output dell'ormone tiroideo, quindi principalmente T4 e T3. (La T3 è la forma più attiva dell'ormone tiroideo e la conversione da T4 a T3 avviene principalmente nella cellula, sebbene la tiroide ne produca una piccola quantità.)

Se il glutine sta influenzando questi problemi, tuttavia, è un'altra domanda.

La connessione glutine-tiroide

'Dal punto di vista della ricerca, siamo ancora nella nostra infanzia, ma l'area in cui facciamo molte ricerche è la connessione tra tiroide e glutine nelle persone con celiachia, spiega Powell.

Un aggiornamento: la celiachia è una malattia autoimmune in cui il glutine innesca un'importante risposta immunitaria nel tratto digestivo. Quindi, mentre non sta attaccando intrinsecamente la tiroide, la ricerca mostra che le persone che hanno una malattia autoimmune hanno un rischio maggiore per un'altra (come una condizione autoimmune della tiroide). 'Se hai la celiachia, hai un rischio circa tre volte maggiore rispetto a qualcuno che non ha la celiachia di avere la malattia della tiroide', afferma Powell.

Certo, la connessione è leggermente più torbida quando si tratta di persone che hanno una sensibilità al glutine non celiaca. '(Ma) clinicamente, vedo assolutamente che c'è una connessione lì, dice Powell. 'E spesso, quando lavoro con pazienti affetti da patologie tiroidee, osserviamo realmente quali sono i fattori scatenanti infiammatori nel loro sistema. Il glutine è uno di questi potenziali fattori scatenanti.

Come sapere se il glutine provoca la disfunzione tiroidea

1. Prova una dieta per eliminare il glutine

Powell lo considera lo standard di riferimento tra le opzioni di test. 'Esistono prove abbastanza valide del fatto che occorrono fino a tre mesi per eliminare completamente il glutine dal sistema, quindi per seguire una dieta a eliminazione completa, significa che tagliare il glutine il più rigorosamente possibile per tre mesi e poi reintrodurlo in la tua dieta e vedere se hai sintomi che cambiano, dice.

Se stai lavorando con un medico, lungo la strada potrebbero monitorare la tua funzione tiroidea con esami del sangue. Se i tuoi laboratori cambiano durante o dopo la dieta di eliminazione, questo può essere un indicatore del fatto che il glutine è un fattore scatenante.

2. Considerare i test di sensibilità alimentare

Ci sono anche test di sensibilità alimentare disponibili (anche se non sono sempre affidabili come una dieta di eliminazione). 'Il tipo di test che sto facendo è guardare a cosa succede ai tuoi globuli bianchi quando sei esposto al glutine, o qualunque cibo stiamo testando', afferma Powell. 'Hai una risposta infiammatoria?

Questa piattaforma si chiama test ALCAT. 'Ha circa il 90 percento di sensibilità e specificità, quindi avrà un tasso del 10 percento di falsi negativi o falsi positivi. Nel mondo della sensibilità alimentare, va bene, dice Powell. Anche il test che esamina gli anticorpi IgG è un'opzione comune. (Quello è preciso solo dal 60 all'80% circa, dice Powell.)

3. Chiedi al tuo medico informazioni sui test per la celiachia

Se c'è la preoccupazione che tu possa avere la celiachia, c'è un esame del sangue che può testarlo (anche se di solito viene fatta una diagnosi ufficiale facendo una biopsia tramite un'endoscopia). C'è un problema qui, però: 'Per testare la celiachia, qualcuno deve consumare attivamente glutine, afferma Powell. Quindi, se la celiachia è sul tavolo, sicuramente non dovrebbe iniziare una dieta di eliminazione.

Se hai una malattia alla tiroide, è abbastanza improbabile che il glutine sia l'unico colpevole. Ma se provoca sintomi in te (e non hai la celiachia in piena regola), ridurre il glutine può essere utile. Ci sono modi migliori per farlo rispetto ad altri. '(Alcune persone) cadono nella trappola del pensiero, OK, normalmente mangio pane, tortillas e cereali, quindi cercherò solo un pane senza glutine, una tortilla senza glutine e un glutine- cereali gratuiti, afferma Powell. 'Invece, mi piace che la gente pensi a come possono incorporare più cereali integrali nella loro dieta. Quinoa, avena, riso, miglio: quelli sono tutti cereali naturalmente privi di glutine, quindi otterrai una qualità nutrizionale superiore da quella (rispetto alle opzioni trasformate).

E hey, in definitiva, concentrarsi sul consumo di più cibi integrali e cereali è generalmente una buona idea per la maggior parte delle persone, sia che tu abbia problemi con il glutine e la tiroide o meno.

Se stai tagliando il glutine, ecco alcune insidie ​​che vorrai evitare, oltre a una ricetta per la pizza mediorientale da provare.