Dovresti evitare l'isolato proteico di soia?
1/6 Introduzione 2/6 Capovolgi molte barrette nutrizionali o scatole di hamburger vegetariani e troverai spesso l'isolato proteico di soia (SPI) in primo piano nell'elenco degli ingredienti. Ma cos'è l'isolato proteico di soia? Le proteine ​​di soia non OGM sono buone? E quali sono le sostanze chimiche utilizzate per produrre le proteine ​​della soia?

Sebbene i nutrizionisti non siano d'accordo sul fatto che la soia faccia parte di una dieta sana (alcuni sono preoccupati per le sue proprietà estrogeniche ma altri come la fonte proteica che è un'alternativa alla carne), la maggior parte concorda sul fatto che SPI, la sua progenie superelaborata, dovrebbe essere evitata .

'Un grosso problema con la soia è che ne stiamo mangiando più che mai e in forme molto elaborate come SPI, afferma Stephanie Middleberg, MS, RD, fondatrice di Middleberg Nutrition. Quindi SPI potrebbe essere iniziato come una pianta, ma una volta arrivato a te, è tutt'altro.



Continua a leggere per quattro motivi per cui i nutrizionisti dicono che dovresti probabilmente abbandonare le proteine ​​di soia dalla tua dieta.

3/6

Alle proteine ​​isolate di soia mancano molti nutrienti

'La soia è una proteina di grande qualità perché il suo contenuto di aminoacidi è simile a quello della carne e sono una buona fonte di fibre, minerali e carboidrati complessi', afferma Middleberg. Ma per creare SPI, i semi di soia sono ingegnerizzati chimicamente per 'isolare le loro proteine, e questo processo elimina tutti gli altri nutrienti contenuti nel fagiolo originale.

4/6

Le proteine ​​isolate di soia contengono additivi malsani

La fondatrice di Foodtrainers Lauren Slatyon, MS, RD, afferma che il processo chimico utilizzato per isolare le proteine ​​di soia spesso lascia dietro di sé sostanze che non si vogliono necessariamente mangiare, come l'alluminio e l'esano. 'Pensa di fare il bagno con olio da bagno tossico, dice Slayton. 'Anche quando ti asciughi, rimangono dei residui. Vuoi mangiare quel residuo? Il metodo di essiccazione a spruzzo usato per la soia può anche formare nitriti, composti che possono formare agenti cancerogeni nel corpo, spiega.



5/6

La proteina isolata di soia è probabilmente geneticamente modificata

Secondo l'USDA, oltre il 90 percento dei semi di soia coltivati ​​negli Stati Uniti sono geneticamente modificati, quindi la maggior parte degli SPI proviene da fagioli alterati. 'Ciò significa che l'isolato proteico di soia viene modificato chimicamente, trattato, e pieno di pesticidi, afferma Middleberg.



6/6

Potrebbe irritare lo stomaco

Molte persone hanno allergie o intolleranze che rendono difficile la digestione della soia. Ma anche se non sei uno di loro, l'isolato proteico di soia può far rimbombare lo stomaco, dice Slayton. Questo perché SPI ha una maggiore concentrazione di inibitori della tripsina, sostanze chimiche che riducono la tripsina disponibile, un enzima che aiuta a digerire le proteine ​​nel corpo.

Quindi cosa fare se sei un vegetariano amante della soia? Salta i prodotti con SPI e opta per 'fonti di proteine ​​intere naturali come fagioli, lenticchie, noci e semi e fonti di soia naturali non OGM come edamame, tofu e tempeh, suggerisce Middleberg.

Slayton suggerisce anche di attenersi a fonti di soia fermentate, come miso, tempeh e natto. 'La fermentazione aumenta la digeribilità della soia, aggiunge buoni batteri e riduce il contenuto di estrogeni vegetali negli alimenti a base di soia', spiega. E alla fine, entrambi i nutrizionisti concordano: come la maggior parte delle cose, la soia è meglio goderla con moderazione e attenersi ai cibi interi (piuttosto che trasformati) è sempre un buon piano.

Cerchi altri modi per ottenere le tue proteine ​​che non coinvolgono la carne (o la soia)? Ecco cinque sorprendenti fonti proteiche a base vegetale. E se sei confuso su organismi geneticamente modificati? Ecco tutto ciò che devi sapere sugli OGM.